martedì 29 gennaio 2013

La donna dei fiori di carta



“Il monte Fumo è una cattedrale di ghiaccio, teatro di una battaglia decisiva. Ma l’eco dei combattimenti non varca l’entrata della caverna in cui avviene un confronto fra due uomini. Uno è un prigioniero che all’alba sarà fucilato, a meno che non riveli nome e grado. L’altro è un medico che ha solo una notte per convincerlo a parlare, ma che ancora non sa che ciò che sta per sentire è molto più di quanto ha chiesto e cambierà per sempre anche la sua esistenza. Perché le vite di questi due uomini che dovrebbero essere nemici, in realtà, sono legate. Sono appese a un filo sottile come il fumo che si leva dalle loro sigarette e dipendono dalle risposte a tre domande. Chi è il prigioniero? Chi è Guzman? Chi era l’uomo che fumava sul Titanic? Questa è la storia della verità nascosta nell’abisso di una leggenda. Questa è la storia di un eroe insolito e della sua ossessione. Questa storia ha attraversato il tempo e ingannato la morte, perché è destinata al cuore di una donna misteriosa”.

Quando ho letto queste righe non ho potuto non comprare il libro al volo.
Avevo già letto i due precedenti libri di Carrisi, Il Suggeritore e Il tribunale delle anime. Entrambi thriller mozzafiato. Il suggeritore racconta della disperata caccia a un serial killer, le cui vittime non sembrano tra loro connesse ma nascondono tutte grandi segreti; ne Il tribunale delle anime si indaga invece sulla sparizione di una giovane studentessa, che sembra essere stata letteralmente ingoiata dai sotterranei di Roma e dai misteri che avvolgono la città.
La donna dei fiori di carta invece è di un genere completamente diverso. C’è sì un mistero da risolvere, ma la trama non è quella di un thriller, tutt’altro. Potrei azzardare che la scrittura di questo romanzo ricorda quella di Baricco, anche se i due autori sono lontani tra loro anni luce. Il libro si legge tutto d’un fiato, i capitoli sono brevi ma la trama non ne risente, non si “spezza” tra un capitolo e l’altro.
Jacob Rouman, medico di un piccolo avamposto austriaco sul monte Fumo, viene incaricato di scoprire il nome dell’ufficiale nemico che è stato catturato, al fine di negoziare il suo rilascio in cambio di prigionieri italiani. Ma quando Jacob approccia il prigioniero chiedendogli di rivelargli la sua identità, si vede rivolgere due domande: Chi è Guzman? Chi era l’uomo che fumava sul Titanic? Solo trovando la risposta a queste domande, Jacob scoprirà l’identità dell’uomo e forse potrà salvarlo dalla fucilazione.
Ma appunto, chi è Guzman? E qui inizia il racconto della vita di quest’uomo incredibile, racconto che ci trascinerà indietro nel tempo, facendoci conoscere via via altri personaggi strani e affascinanti e trasportandoci in luoghi esotici e ai confini dell’immaginazione. Di Guzman veniamo a sapere che amava raccontare storie, più o meno vere, e che grazie alla sua arte oratoria, in grado di catturare l’attenzione di chiunque lo stesse ascoltando, aveva conquistato anche il cuore di una donna bellissima e misteriosa, Isabel, nonostante l’aspetto fisico non lo aiutasse. Nel corso del racconto però scopriamo che un giorno Guzman lascia Isabel all’improvviso, scomparendo nel nulla. Perchè? E perchè il prigioniero sta raccontando tutto questo a Rouman?
A poco a poco il medico capisce che anche lui è ormai parte di questo racconto, che la sua vita e quella degli altri protagonisti del racconto sono intrecciate da un disegno sottile. Riuscirà a scoprire l’identità del prigioniero? E sarà poi in grado di fare ciò che gli viene richiesto dallo stesso?
Questo libro mi è piaciuto moltissimo. Ammetto di averlo comprato pensando fosse un thriller ma alla fine sono stata proprio contenta non lo fosse. È un libro che permette di evadere con la mente proprio perchè la storia raccontata non ha nulla di classico o di scontato e la trama si costruisce a poco a poco.  Anche molte situazioni descritte sono al limite della realtà, come se gli stessi protagonisti vivano in un mondo surreale e fantasioso dove può succedere qualsiasi cosa. La stessa grotta dove il medico interroga il prigioniero è come un’oasi sospesa sulle atrocità della guerra. Ve lo consiglio!
Qualcuno di voi lo ha letto? Che ne pensate? Vi ispira?

10 commenti:

  1. Ciao Mirtilla!! L'hanno letto i miei e l'hanno trovato molto bello!! Io volevo iniziare con "Il suggeritore", ma ancora non l'ho preso in biblioteca... ho già una pila di libri da leggere che mi aspetta :-) Ora come ora sto leggendo un libro meraviglioso che ti consiglio senz'altro: "La moglie dell'uomo che viaggiava nel tempo", ne hanno fatto anche un bel film dal titolo che non rende minimamente: "Un amore all'improvviso"... è un pò fantascienza, un pò sentimentale, un pò drammatico. Bellissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Silvia
      grazie per il suggerimento sul libro. Avevo in effetti letto la trama del film ma non sapevo fosse tratto da un libro. Sembra molto interessante, lo metto nella lista dei prossimi acquisti. Oggi stesso invece inizierò a leggere il libro che suggerivi nel tuo blog, Se una notte d'inverno un gatto. Da buona "gattara" non potevo farmelo scappare:-)).
      Ciao

      Elimina
    2. Poi sappimi dire eh se ti piace!!! :-))) A presto Mirtilla, buon pomeriggio!!

      Elimina
  2. Ho iniziato, da relativamente poco, a leggere Il Suggeritore e mi piace molto come stile, è molto "il mio genere".
    Ora, però, mi hai messo la curiosità di leggere anche questo! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il suggeritore è uno dei thriller più belli che io abbia letto! Devi dirmi se ti è piaciuto (e se hai capito chi è il colpevole...:-)))

      Elimina
  3. sono contenta di esser riuscita a passare. Ciò che scrivi è interessante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Stefania
      grazie e benvenuta in questo mio piccolo spazio!
      A presto

      Elimina
  4. interessantisimo.... devo cercarlo in libreria... nn ne avevo nemmeno sentito parlare finora. Che ignorante che sono!

    RispondiElimina
  5. Mi intriga, mi intriga non poco...

    RispondiElimina
  6. Wowww che libro intrigante! Ammetto che non conosco l'autore, perché in effetti non leggo quasi mai thriller... ma come hai potuto vedere dal mio blog ogni tanto mi butto su generi diversi e il libro che suggerisci è interessante, così come lo sembrano i protagonisti!
    Grazie e buon weekend

    RispondiElimina